Nuts about London

Siamo stati a Londra anche quest’anno. Pochi giorni, ma estremamente intensi, che ci hanno fatto immergere nelle tante sfaccettature di questa città che noi adoriamo.
Per raccontare un po’ della nostra esperienza londinese, vorrei partire dai parchi: Hyde Park, Green Park, Kensington Gardens… Chi li conosce può comprendere la meravigliosa sensazione di passare in pochi minuti dalla frenetica vita della capitale alla campagna inglese più raccolta. Una passeggiata attraverso i parchi ricarica di energie e fa riposare la mente dalla frenesia londinese (per rituffarvisi bastano pochi passi verso le uscite!).
I parchi sono ben tenuti, puliti, ci sono cestini per differenziare ogni rifiuto, panchine, piccoli (o grandi) giardini di giochi per i bambini (vale la pena fare una visita al Diana Memorial Playground, per sentirsi un po’ pirati sul galeone), chioschi che vendono gelati biologici, facilities di ogni genere, tra cui bagni con lavandini dotati di acqua calda.
Non è solo la flora a rendere piacevole la passeggiata nei parchi londinesi e gli incontri che si fanno non sono solo del tipo “umano”.

Ma gli animaletti che più di altri attraggono l’attenzione di tutti sono loro: gli scoiattoli.
Quest’anno non ci siamo fatti trovare impreparati: abbiamo subito acquistato un bel sacchetto di nocciole e ci siamo regalati meravigliosi momenti in compagnia di questi piccoli roditori, alcuni timidi, altri molto più intrepidi che venivano a prendere il cibo dalle mani per poi mangiarselo stando nella tipica posizione sulle zampe posteriori.


Breve nota: scoiattoli come quello nella foto si trovano ovunque nei parchi londinesi e, in generale, nel Regno Unito. Si tratta dello scoiattolo grigio nordamericano (American gray squirrel), che ha quasi completamente preso il posto del più britannico scoiattolo rosso (British red squirrel), protagonista della storia del prossimo post.

Annunci

2 risposte a “Nuts about London

  1. Ecco perchè mio figlio vorrebbe tanto andare a Londra, lo scoiattolo è una delle sue passioni, vuole a tutti i costi averne uno che gli mangi dalle mani.
    Mi piacerebbe leggergli la storia che hai raccontato nel post successivo, chissà …
    Ma dovresti pubblicizzarlo un pò il tuo blogghino, un compensio di letture e abitudini “british” raccontate in modo piacevole e intelligente da una persona preparata, farebbe piacere a molti.

    • Portalo a Londra e soddisferà il suo desiderio con un sacchetto di noccioline da pochi pence! Gli scoiattoli nei parchi londinesi non aspettano altro che un bambino con la manina piena di cose buone per corrergli incontro, “rubargli” il malloppo per poi mangiarselo a pochi centimetri, pronti a tornare indietro subito subito a rubare una nuova nocciolina.
      Quando qualcuno chiede a Bambino cosa gli è piaciuto di più di Londra lui dice: “Gli scoiattoli!”.
      Grazie per l’incoraggiamento.Tornerò. Devo ancora fare (mooolta…) pratica su Bloglandia. Ci sono cose a me ancora oscure.
      Un abbraccio,
      Monica

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...